Privacy Policy
top of page

Che cos'è la Gioia?


La gioia è l’emozione che proviamo quando soddisfacciamo un bisogno (desiderio) o vediamo realizzato un importante obiettivo. 

 

La gioia è un’esperienza transitoria: anche se desidereremmo viverla per sempre, essa porta con sé il timore che possa terminare e volgersi nel suo contrario. 

 

E’ per tale ragione che siamo sempre cauti nell’esprimere la gioia, evitando di trasformarla in euforia, apprendendo a viverla per quello che è, un’emozione impalpabile e delicata e che, basandoci sul suo ricordo, cercheremo di ritrovare nella nostra vita tutte le volte che potremo.

 

Eventi che producono gioia sono anche quelli legati all’innamoramento e all’amore, come ad es. il rendere felici qualcuno che si ama, il sapere che chi amiamo vuole farci piacere e anche il condividere un’esperienza intima o piacevole con la persona amata.


Promuovono la gioia situazioni quali:

 

  • innamorarsi

  • ottenere una promozione o un aumento al lavoro 

  • superare un esame

  • guarire da una grave malattia

  • partire in vacanza

  • riappacificarsi con qualcuno

  • fidanzarsi/sposarsi

  • avere un figlio

  • vincere del danaro a una lotteria

  • incontrarsi con amici considerati tali

  • iniziare un nuovo lavoro

  • danzare, dipingere, svolgere attività creative


La gioia consiste in uno stato transitorio di buon umore ed è costantemente ripetibile, essendo legata non solo all’incontro con cose belle, ma anche con la capacità di scorgere il bello nelle cose di tutti i giorni. 

 

Il buon umore ha anche ottimi effetti sulle capacità intellettive e mnemoniche. 

 

In special modo la gioia tende a valorizzare in positivo se stessi, gli altri, le proprie azioni passate. 

 

Le persone felici pertanto a volte peccano di insufficiente realismo e commettono alcuni errori di sottovalutazione dei rischi. 

 

Tale circostanza non li induce tuttavia al pessimismo o alla perdita di autostima, quanto ad una semplice rivalutazione del contesto e delle strategie, oppure alla focalizzazione su ciò che è stato possibile piuttosto che su ciò che era sbagliato. 

 

Le persone gioiose tuttavia, proprio perché tendono a focalizzare in positivo, possono essere più audaci e propense ai rischi, quindi in grado di ottenere risultati più importanti

 

Anche le decisioni vengono assunte più rapidamente ma non a scapito della scrupolosità o della precisione. La persona gioiosa infatti non prende mai dei rischi eccessivi e non accettabili, in quanto agisce sotto l’effetto del mood maintenance, un meccanismo non consapevole bensì istintuale, di auto-preservazione del buon umore. 



Quando ci si trova in una condizione di gioia si é enormemente avvantaggiati dal punto di vista cognitivo: sono infatti possibili molte più associazioni che in condizioni di normalità e di conseguenza il pensiero risulta più lucido, acuto e brillante, nonché in grado di ideare soluzioni che altri non riuscirebbero a scorgere. Per taluni autori inoltre, la gioia è un’emozione che rende possibile una maggiore attività di problem solving

 

La gioia influisce inoltre sul tipo di attività professionali: le persone gioiose sono poco inclini a svolgere compiti ripetitivi e poco creativi, anche quando più remunerativi, perché non mettono la motivazione estrinseca in cima alla loro scala di valori, inoltre esse riescono ad ottenere migliori risultati nelle negoziazioni e trattative. 

 

Il comportamento della persona gioiosa è altamente relazionale, curioso, aperto, energico, carico di interessi sociali e artistici, con propensione alla conversazione su temi generali (politici, esistenziali) e orientato alla solidarietà, all’aiuto e al soccorso verso gli altri. 

 

Secondo la teoria del mood maintenace le persone gioiose evitano il contatto costante con persone depresse o negative, se non per aiutarle o soccorrerle nelle loro difficoltà. 

 

“Le persone gioiose posseggono un istinto particolare per stare fuori dai guai”. 



1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page